Sabato 21 maggio a Torino, presso l'Environment Park, a partire dalle ore 09.30, ha avuto luogo l'Assemblea dei soci della Cooperativa Animazione Valdocco, nel corso della quale è stato approvato il bilancio 2015. "I numeri del bilancio sociale parlano positivo: più ricavi, più lavoro, più fiducia, più socialità e mutualità - ha affermato il Presidente uscente Paolo Petrucci - sono "più" mediamente piccoli, ci raccontano di una cooperativa che si consolida e che continua a essere utile per i soci e per le comunità locali in cui agisce".

Nel corso dell'anno si è infatti registrato un consolidamento delle attività (+5,53%) e un risultato d'esercizio in utile di oltre 590 mila euro. Il fatturato si attesta a 54 milioni di euro, con una ricchezza distribuita ai soci di oltre 370 mila euro per il loro apporto finanziario. Ancora in riduzione i finanziamenti statali, regionali e locali destinate al welfare e parallelamente a questi viene constatata anche una riduzione di capacità di spesa del cittadino, sempre di più chiamato a partecipare al costo per servizi sociali e sociosanitari. Dai dati relativi all'occupazione, evidenziati nel corso della presentazione del Bilancio Sociale 2015 dal Direttore Amministrativo, Anna Actis, emerge l'aumento del numero dei soci, 1879 nel 2015. In aumento anche la fiducia dei soci prestatori che depositano i loro risparmi in cooperativa per oltre 5 milioni di euro, e di terzi finanziatori che mantengono le disponibilità di affidamento degli anni precedenti. Raggiunto inoltre l'obiettivo prefissato di fidelizzazione dei committenti, con il 96,41% dei ricavi complessivi dell'attività caratteristica, costituito da servizi già gestiti negli anni precedenti. Riconfermato infine dall'assemblea il fondo di Mutuo Aiuto per il sostegno al reddito, lo strumento ideato dai soci per far fronte a problemi di riduzione o mancanza di lavoro.


"Avanti si va, insieme, come soci - ha proseguito Petrucci - riconoscendo nella cooperativa lo strumento in grado di soddisfare al meglio interessi professionali e di reddito, ma anche quelli delle comunità in cui operiamo. Siamo cooperativa, ma anche impresa sociale con l'esplicito scopo di recare benefici a persone diverse dai soci. Al movimento cooperativo di cui facciamo parte chiediamo di giungere con passione e concretezza all'Alleanza Cooperativa Italiana. Abbiamo bisogno di una rappresentanza forte, perché unitaria e portatrice di interessi collettivi delle cooperative, dei soci e di tutti i cittadini che vivono nelle comunità in cui operiamo". L'assemblea è proseguita con l'intervento di Elisa Profico, che ha analizzato le visite sui canali social della cooperativa e approfondito le modalità di utilizzo dei social network per la comunicazione dei servizi. Successivamente Beppe Quaglia, Responsabile della Comunicazione, ha presentato le attività di comunicazione nei servizi nel 2015, invitando i soci a proporre degli spunti alla cooperativa per lo sviluppo e la crescita futura, sullo slogan "Ricarichiamoci", filo conduttore dell'assemblea 2016.

A seguire gli interventi di Massimiliano Ferrua e Roberta Tumiatti, che hanno affrontato il tema del lavoro sociale finalizzato all'accoglienza interculturale, soffermandosi rispettivamente sul progetto "La Città possibile" relativo all'inclusione sociale a favore delle popolazioni ROM, e su "La sfida dei rifugiati in Europa" attraverso la presentazione delle attività rivolte all'assistenza dei cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale.
A portare i saluti da parte della Città di Torino, sono intervenuti Enzo Lavolta, Assessore allo Sviluppo, Innovazione, Ambiente e Verde ed Elide Tisi, Vice Sindaco e Assessore ai Servizi Sociali, i quali hanno sottolineato l'importanza lo sviluppo del lavoro sociale a Torino. In particolare Lavolta ha ribadito come la città debba essere orgogliosa del lavoro fatto nell'ambito del progetto la Città Possibile affermando che "bisogna riconoscere non solo il coraggio di chi decide di affrontare queste sfide vicino all'Amministrazione, ma anche la generosità dei cittadini e del privato sociale che mettono a disposizione della Città le loro competenze".
Al termine della mattinata è intervenuto Giancarlo Gonella, Presidente di Legacoop Piemonte e Presidente dell'Alleanza Cooperative Italiane Piemonte, che dopo essersi complimentato con i soci della Cooperativa per il lavoro svolto nel corso di questi anni, ha posto in evidenza le problematiche relative al ritardo dei pagamenti nella Pubblica Amministrazione e la progressiva riduzione delle risorse nel sociale uniti alle difficoltà relative all'indagine sul Progetto "La Città Possibile". L'assemblea nel corso del pomeriggio ha proseguito i lavori con la votazione per la nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione. L'Assemblea ha eletto Accalai Caterina, Bernardi Lorenza, Morino Luca, Papagni Luca, Petrucci Paolo, Scarca Valerio, Signorino Patrizia. Il CdA nella seduta del 23 maggio ha riconfermato Paolo Petrucci nella carica di Presidente e di Lorenza Bernardi nella carica di Vicepresidente.

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta